Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Sidebar". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-1". Impostare manualmente id a "sidebar-1" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Footer Widgets". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-2". Impostare manualmente id a "sidebar-2" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_deregister_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_register_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_enqueue_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196
Satisfiction » Maria Borio, Trasparenza
Notice: Trying to get property of non-object in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: meta_post_keywords in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: wpzoom_sidebar in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/header.php on line 108

Notice: Undefined property: WP_Error::$parent in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions.php on line 13

Notice: Undefined property: WP_Error::$parent in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions.php on line 14
990x27_promo
Recensioni Autore: Maria Borio / Interlinea edizioni / pp. 144 / € 12

Maria Borio, Trasparenza

Recensione di Leonardo Guzzo
Maria Borio, Trasparenza

Scorgere nella folla “l’innocenza che muove la testa”, aprire in stanze chiuse “finestre sul mare”: questo il compito, antico e resistente, della parola poetica. Contro ogni tendenza riduttivistica o relativistica, o addirittura deriva prosastica, i versi di Maria Borio, tra i migliori esponenti della “nidiata” di autori italiani nati negli anni Ottanta, ribadiscono la peculiarità della forma e dell’esperienza poetica. Guardando al nucleo “puro” della vita – la coesistenza e la commistione degli esseri, la compartecipazione a un’essenza e a un cammino – e squarciando le “impurità” che tra gli esseri creano ostacoli, contrapposizione e morte, la poesia restituisce con la forza dell’intuizione emotiva o l’ordito incessante del pensiero ciò che traspare dal profondo. “Trasparenza” è, non a caso, il titolo della seconda raccolta di Maria Borio, pubblicata da Interlinea Edizioni nella collana Lyra curata da Franco Buffoni. Un viaggio tra le schermaglie del tu e dell’io, nelle distanze dell’alienazione, nel dolore della precarietà, della solitudine, di una faticosa comunicazione, nella presunta sintesi del mondo digitale (che distanze e partizioni annulla dentro un’insidiosa realtà virtuale), per riemergere alla luce di una parola “concreta”, “gravida”, che risveglia e salva.

Osservate, chiedete non alla forma

ma fuori a tutto il resto cosa sia,

questa scrittura o le unghie esili,

le biografie anonime o le parole anonime.

[…]

lettere, vi dico, pensatele, in ogni lettera

guardate una parola come un piede di bambino

appoggiato alla mano della madre, quella mano

alla pancia e la pancia a un pensiero.

(“Osservate…”, pag. 5)

Non si tratta di un viaggio isolato e cieco: anche quando prevede un ripiegamento nell’intimo, il percorso avviene sempre ad occhi aperti; e sempre trova, infine, uno sbocco, una connessione con l’altro e col mondo. Ha, insomma, una vocazione intrinsecamente “espansiva”, di un’esperienza che tende a raccogliere, assimilare, mettere in rapporto, erigere. Compie un tragitto di vertigine, assecondato da una forma raffinata e originale, una sapiente struttura metrica e sintattica (che modella la parola in verso senza forzature liriche), un’architettura di senso che predilige orizzonti vasti, che non esplode ma si dispiega perlopiù in un flusso largo, negli esiti più felici sontuoso e avvolgente.

Stesa sul letto a volte vedi forme,

curve che entrano e spirali che evadono.

Gli organi trasparenti in alto si aprono

e diventano una linea morbida che insegue se stessa,

pulisce il respiro dai colori scuri – il colore del sangue,

o quello denso della carne dove nascono le api.

Nulla si rigenera, ma è prolungato, infinito

nella linea che pulisce gli oggetti e fa cose

per pensare, per abitare: un grande uovo, ad esempio,

si spacca senza perdere liquido e bianchissimo invade

gli angoli del soffitto, apre un arco, una porta

tra i continenti.

Tra il cielo e l’acqua questo edificio

splende in una luce illimitata:

puoi aprirlo, aprirti

a una lingua di toni aspri,

tornare nel suono rotondo di un’altra

riprendendo quei toni come finestre sul mare

o il ponte sospeso per il parco

dove le persone stese sull’erba sono api

e il calore al sole sembra impedire la morte

anche se tra anni, milioni, un giorno

esplodendo.

Segui poi altre linee, quelle della specie,

forse come sapere che nascere

non sarà più violenza, ma fenomeno di sguardo,

e dal letto lasci il sesso arrampicarsi

attorno ai contorni di questo edificio

nel suo bianco sotto raggi tempesta,

la stella nell’attimo prima

di esplodere.

La vita è ovunque, in una linea curva

ognuno abita come pensare.

Le api ora lasciano la mia bocca perché le penso.

(“Aquatic Centre”, pagg. 30-31)

Si coglie, nei versi di “Trasparenza”, la nettezza e la perentorietà di una cifra letteraria: uno spunto ogni volta diverso, come un sasso lanciato nello stagno della realtà, cerchi che si sprigionano e man mano si allargano in una dimensione più rarefatta ma non vana, una visione più elevata e comprensiva, in qualche modo “assoluta”.

Seguiamo la corrente, sentiamo altre forme:

sotto le case fondamenta, sotto la riva radici.

Il cono dell’atmosfera vuoto su tutti, azzurro.

(“Atmosfera”, pag.72)

La parola di Maria Borio ridesta e plasma, scende nei meandri delle cose, ispeziona le nervature, i condotti della linfa, riempie il concreto di una luce che i corpi – “impuri” nei loro confini – non riescono a trattenere. Che pure posseggono, sotto un grigiore più o meno superficiale o stratificato; che, una volta liberata, liberamente fluisce e si proietta verso l’esterno, dal mondo più contiguo a scenari apparentemente remoti, un’onda sul mare della coesistenza, della coscienza comune di tutte le “cose”. In questo modo, attraverso un aprire stanze segrete e un saldare mondi per viscere, per intime – invisibili ed essenziali – connessioni, “Trasparenza” emana un afflato di poesia “civile”.

Una voce ci raccoglie nella mente. Il suo spazio

è un equilibrio tra due mediane: la voce che sembra

conficcata su uno spillo e due mediane che l’attraversano.

La terra esiste senza equilibrio come una voce.

Pensiamo le sue parti: il nord e il sud divisi che irradiano

persone, flussi di persone, congiunzioni o schianto.

[…]

Una terra è flussi e scarti, come quelli della voce.

Stringi le mani sulla gola, ascolta le parti interne

alto e basso, il palato e lo stomaco che spingono.

La mano stretta tra sud e nord, come sopra a un mare,

scava nella gola. Anche dentro a una persona sola

lo spazio di una terra a volte è così verosimile…

Dicevi questa storia per trovare l’immagine

di una moltitudine, riporla dentro di te, liberarla.

(“Voce”, pagg. 122-124)

C’è in questi versi un messaggio di “relazione metafisica”, un moto espansivo volto ad abbracciare la realtà e in qualche modo a sublimarla, una tensione in certi punti estatica, che li rende preziosi. In un’epoca di narrazioni artificiose, semplicistiche, ciniche – o, al contrario, affabulatorie e spettacolari, votate deliberatamente all’intrattenimento – essi riaffermano il valore specifico e insostituibile della poesia: quella portata di intuizione, di rivelazione immediata e profonda che, da Vico ad Heidegger, ne ha fatto il canale d’accesso più misterioso e stupefacente alla verità, o almeno alla polpa, della vita.


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 3778