Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Sidebar". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-1". Impostare manualmente id a "sidebar-1" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Footer Widgets". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-2". Impostare manualmente id a "sidebar-2" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_deregister_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_register_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_enqueue_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196
Satisfiction » L’equilibrio perfetto della felicità
Notice: Trying to get property of non-object in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: meta_post_keywords in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: wpzoom_sidebar in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/header.php on line 108

Notice: Undefined property: WP_Error::$parent in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions.php on line 13

Notice: Undefined property: WP_Error::$parent in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions.php on line 14
990x27_promo
Recensioni Autore: Anna Alagi / Edizioni Della Sera / pp. / €

L’equilibrio perfetto della felicità

Recensione di Martino Ciano
L’equilibrio perfetto della felicità

Non una, ma tre storie che si intrecciano e che hanno una sola protagonista: Federica. Lei, giovane madre alle prese con la malattia del suo secondogenito, Mattia, affetto da una rarissima cardiopatia congenita. Lei, travolta dai ricordi dell’adolescenza, che la riportano a quando lasciò il suo piccolo paese della Calabria per seguire la famiglia a Torino. Lei, ingenua moglie, che si domanda cosa sia l’amore. La causa di questo trambusto emozionale è la sua permanenza in un ospedale pediatrico per star vicino al figlio. In questo momento tutte le certezze sono cadute.

A cosa aggrapparsi?

Ecco il romanzo di Anna Alagi, un uragano di emozioni, che l’autrice calabrese riesce a padroneggiare. Nella sua scrittura non ci sono tentennamenti, infatti, con molta disinvoltura, passa da un registro all’altro, mantenendo sempre vivido il flusso delle emozioni.

Solo una donna può comprendere lo strazio di una madre che assiste un figlio malato; solo un immigrato può davvero raccontare, senza cadere nella retorica, cosa si prova quando si mette piede in una terra straniera. Infatti, all’inizio del romanzo, Alagi scrive che tutto è tratto da una storia vera; ciò non vuol dire che questa sia una autobiografia, ma, di sicuro, siamo di fronte a una testimonianza. E questa forza, che rende il romanzo meno falso, parafrasando Manganelli, ci dà la possibilità di calarci con l’anima e con il cuore tra le pagine.

Certamente, da calabrese e da meridionale, sono riuscito a comprendere facilmente l’urgenza della scrittrice di parlare della sua terra, riscattandone la dignità attraverso i ricordi. Chi è costretto a lasciare il meridione per necessità, sa bene che anche in mezzo all’opulenza e alla tranquillità del ricco e felice settentrione, si sentirà braccato dalla nostalgia… il suo cuore sarà sempre altrove.

In tutto ciò, cos’è la felicità?

Non esiste una risposta valida per tutti, dato che, ognuno ha un suo metodo per interpretare tale sensazione. Pertanto, questo libro non racconta solo di avversità, di meridione e di amore, ma della ricerca di Federica di una strada che la porti verso una felicità duratura, non eterna, ma che sia al suo fianco anche nelle difficoltà quotidiane… un equilibrio che l’umanità cerca da sempre.


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 3778