Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Sidebar". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-1". Impostare manualmente id a "sidebar-1" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4161

Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Footer Widgets". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-2". Impostare manualmente id a "sidebar-2" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4161

Notice: wp_deregister_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4161

Notice: wp_register_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4161

Notice: wp_enqueue_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4161
Satisfiction » La festa nera
Notice: Trying to get property of non-object in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: meta_post_keywords in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: wpzoom_sidebar in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/header.php on line 108

Notice: Undefined property: WP_Error::$parent in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions.php on line 13

Notice: Undefined property: WP_Error::$parent in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions.php on line 14
990x27_promo
Recensioni Autore: Violetta Bellocchio / Chiarelettere editore / pp. 167 / € 15

La festa nera

Recensione di Enzo Baranelli
La festa nera

In una Italia distopica che sembra uscita da una guerra, Misha, Nicola e Ali (l’io narrante) girano documentari. Il loro ultimo progetto li porta lungo la Val Trebbia dove filmeranno centri autarchici che vivono secondo proprie leggi. Dapprima incontreranno La confraternita del Serpente Nero che ospita uomini che hanno compiuto delitti contro le donne, poi Secondo Zion, dove gli adepti credono che il mondo sia finito nel 2015: secondo tale precetto devono usare solo materiale precedente a tale data, anche carne in scatola ormai scaduta. Violetta Bellocchio usa una lingua pulita avvolta da tinte oniriche, mostrando una saggezza letteraria che la avvicina a Ballard. Il lettore è lentamente circondato dalla distopia ed è contagiato da un pressante desiderio di lettura: il romanzo lentamente acquista un ritmo sempre più coinvolgente.

Noi facciamo documentari. Filmiamo il reale in tempo presente. La nostra specialità è tutto quanto sta all’incrocio tra lo strano, il triste e lo scuro. Andiamo a cercare le vite delle persone diverse da noi – le vite di quelli che fanno cose squallide, bizzarre, antisociali e degradanti, ma in fondo anche curiosamente umane, no?”.

Importante è il tempo presente della narrazione che è il tempo del documentario “perché non interessa a nessuno quanto eri bravo l’anno scorso”. L’io narrante si mostra a volte nei sogni o nella parte centrale del libro (“un passato in cui nessuno ha avuto il privilegio di vivere”) come singolo, mentre nel mondo reale e presente è sempre parte di un gruppo: un noi.

Poi trai centri autarchici incontriamo la scuola Frank dove ai bambini viene insegnato a leggere, scrivere, contare e “padroneggiare le armi da fuoco”: l’itinerario di Ali, Misha e Nicola si fa sempre più movimentato. Segue La Luna Nuova dove uomini e donne venerano il dolore e infine La Mano

Un grande affresco che denuncia le derive del presente con una forma che si situa tra i migliori racconti di Herbert George Wells e le distopie di James G. Ballard: Violetta Bellocchio ha scritto un romanzo formidabile.


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 3743