Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Sidebar". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-1". Impostare manualmente id a "sidebar-1" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Footer Widgets". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-2". Impostare manualmente id a "sidebar-2" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_deregister_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_register_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_enqueue_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196
Satisfiction » Il Buono, il Brutto, il Cattivo. E il Marchese de Sade.
Notice: Trying to get property of non-object in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: meta_post_keywords in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: wpzoom_sidebar in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/header.php on line 108

Notice: Undefined property: WP_Error::$parent in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions.php on line 13

Notice: Undefined property: WP_Error::$parent in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions.php on line 14
990x27_promo
Extravaganze 18.07.2012

Il Buono, il Brutto, il Cattivo. E il Marchese de Sade.

di

C’è un libro, più prezioso di un monile degli Zar. Ora questo libro appartiene al bolognese Pupi Avati, che prima di divenire il placido Vescovone del cinema italiano, di marachelle ne ha combinate. Per questo dobbiam tornare agli anni concitati e folli, eccitanti e tristissimi, di Thomas, gli indemoniati e di Balsamus l’uomo di satana, le sua scatenate opere d’esordio, non viste manco dall’amata zia di Castenaso… L’Avati che si affaccia al mondo del cinema è un talentaccio ruspante, un poeta contadino, ossessionato dalla morte e con una passione per il bozzetto grandangolare, per la teratologia da casolare. Sarà per questo che Sergio Citti, che poeta lo era davvero, invita, all’ombra della Capitale, il giovane bognese (che, spaventatissimo, aveva visto per la prima volta facendo l’aiuto-regista di Piero Vivarelli nel mefitico Satanik) e gli chiede di aiutarlo ad un adattamento cinematografico de Le 120 giornate di Sodoma del Divin Marchese…Citti proveniva dal successo del bellissimo Storie scellerate, cupa quadrilogia, ispirata al Vescovo Matteo Bandello, girata fra i liquami e i marmi insanguinati della Roma Papalina. Evidentemente il proposito di Citti era quello di mostrare il lato umbratile della Storia, attraverso le pulsioni più abbiette dell’animo umano. E chi meglio del Marchese Donatien Alphonse de Sade per adempiere a tale lodevole compito…I due si mettono alacremente al lavoro, ma vi è un unico problema: a Pasolini, Nume Tutelare di Citti, il progetto fa schifo. Sfogliando le pagine di quel copione il papà di Accattone sbotta in un plateale: “Fatelo leggere anche a me, questo de Sade!”. Avati gli porta la sua copia personale, e Pasolini si mette a riscrivere tutto, cercando rimandi, echi, suggestioni, tra i mille e mille tomi, della sua Biblioteca, degna di quella di Alessandria. Fra tutti, vi è un libro da cui il grande regista non si separa mai: è una copia tascabile de “I fiori del Male” di Charles Baudelaire: ingiallito, cincischiato, e, cosa importantissimo, completamente istoriato di sottolineature ed appunti. L’idea delle “sue” 120 giornate, già proiettate verso i nebulosi lidi della meta-storia, era che il Duca, il Monsignore, l’Eccellenza e il Presidente, parlassero citando sovente quegli immortali versi da aristocratico Enfer. Citti e Avati tentennano, ma nulla possono negare al Poeta, ormai preda di una cupa ispirazione. Avati, anzi, abbandona il progetto, senza clamori, anzi, in rispettoso silenzio. Salò o le 120 giornate di Sodoma, prima di divenir pellicola viva ed urticante subirà altre riscritture, ripensamenti. Anche quando i negativi sono pronti Pasolini, prima di quella maledetta notte ad Ostia, subirà l’onta del furto di alcune bobine con tanto di richiesta di riscatto. Quelle bobine non saranno mai ritrovate: il Salò giunto fino a noi è quindi opera tragicamente spuria, menomata…Se solo Avati ci donasse la possibilità di dare un’occhiatina a quella logora copia de “I Fiori del Male”…

 


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 3778