Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Sidebar". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-1". Impostare manualmente id a "sidebar-1" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Footer Widgets". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-2". Impostare manualmente id a "sidebar-2" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_deregister_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_register_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_enqueue_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196
Satisfiction » Autore Rubrica / Editoriale » Paolo Melissi
Notice: Trying to get property of non-object in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: meta_post_keywords in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: wpzoom_sidebar in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/header.php on line 108

Notice: Undefined property: WP_Error::$parent in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions.php on line 13

Notice: Undefined property: WP_Error::$parent in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions.php on line 14
990x27_promo

Paolo Melissi
Warning: Missing argument 2 for apply_filters(), called in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/archive.php on line 20 and defined in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/plugin.php on line 176

Notice: Undefined variable: value in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/plugin.php on line 203

Paolo Melissi ha lavorato alle pagine culturali de il Mattino, Avvenimenti, Diario, Linea D’ombra, Pickwick, Bookshop, Corriere.it. È tra i fondatori dell’associazione Pluriversi con cui ha lanciato a Milano le “Passeggiate d’Autore”

Paolo Melissi su Satisfiction.me:

Werner Herzog: una specie di pellegrinaggio
Paolo Melissi /

Werner Herzog: una specie di pellegrinaggio

Un viaggio a piedi, per prima cosa, significa liberarsi di tutto il superfluo. Ovvero, prevede un carico minimo, essenziale, strettamente indispensabile per poter affrontare la strada. Werner Herzog prima di partire prese una giacca, una bussola, una sacca con dentro lo stretto necessario, e un quadernetto su cui annoterà il viaggio, le cui pagine diventeranno poi, a distanza di alcuni [&hellip

Gianni Celati. Verso la foce
Paolo Melissi /

Gianni Celati. Verso la foce

Con Verso la foce Gianni Celati portò a compimento un progetto di lavoro svolto con quattro fotografi, tra cui Luigi Ghirri, che aveva per obiettivo il paesaggio italiano. Ne vennero fuori quattro diari di viaggio che lo stesso autore definisce “racconti d’osservazione”. Si tratta quindi di quattro viaggi a piedi attraverso le campagne della valle padana, verso il delta del Po. Il [&hellip

Juan Rodolfo Wilcock riedito. Il libro dei mostri
Paolo Melissi / Juan Rodolfo Wilcock /

Juan Rodolfo Wilcock riedito. Il libro dei mostri

Sono passati cinquant’anni dall’ultima pubblicazione de Il libro dei mostri di Rodolfo Wilcock, tornato in libreria grazie ad Adelphi. Che ci restituisce questo splendido “bestiario” che sfugge a qualsiasi catalogazione, in un’iperbole del surreale e del grottesco, su cui primeggia un elemento su tutto: l’impressionante capacità di Wilcock di costruire immagini. Così i personaggi mostruosi che animano la sua galleria [&hellip

Georges Perec. Specie di spazi
Paolo Melissi /

Georges Perec. Specie di spazi

Specie di spazi rappresenta il lavoro svolto da Perec all’interno del progetto rappresentato da Cause commune, rivista che lo impegnò, accanto a Paul Virilio e Jean Duvignaud, tra il 1972 e il 1974. Un lavoro che, più di tutti, ha a che fare con l’indagine sociologica e antropologica. È lo stesso Virilio a contribuire alla ricostruzione della genesi del libro: «All’origine di Espèces [&hellip

Franz Hessel. L’arte di andare a passeggio
Paolo Melissi /

Franz Hessel. L’arte di andare a passeggio

L’arte di andare a passeggio è lo scritto che dà il titolo a una raccolta di materiali firmati da Franz Hessel, ora meritoriamente pubblicata da Elliot. Si tratta di una silloge, di una raccolta, appunto, di racconti, pagine di diario, riflessioni che, già di per sé, contengono – in qualche modo – una predisposizione “deambulatoria”. Hessel, infatti, si muove nella scrittura [&hellip

Guillaume Apollinaire. Il flâneur di Parigi
Paolo Melissi /

Guillaume Apollinaire. Il flâneur di Parigi

1857 rappresenta uno spartiacque, comunque una data di svolta per la flanerie, “fenomeno” parigino che aveva e avrebbe in seguito prodotto ampia letteratura. In quell’anno, infatti, Napoleone III dà mandato al barone Georges Eugène Haussmann di trasformare Parigi in una moderna metropoli: nel segno della linea retta (il “culto dell’asse”) si aprono i grandi boulevard, vengono “amputati” grandi spazi, bonificati quartieri [&hellip

Louis Aragon. Il paesano di Parigi
Paolo Melissi /

Louis Aragon. Il paesano di Parigi

Il surrealista Aragon entra nell’immenso labirinto urbano di Parigi e lo sfida apertamente perché, per vincere il labirinto, bisogna attraversarlo. È il labirinto costituito dal Passage de l’Opéra e dal parco di Buttes-Chaumont, ma, anche e prima di ogni altra cosa, dalle memorie dadaiste, inscritte in questo e in quel luogo, di ricordi abrasi da una città in trasformazione, in [&hellip

Santoka e Dino Campana. Scrivere, camminare
Paolo Melissi /

Santoka e Dino Campana. Scrivere, camminare

Più di un punto in comune avvicina Taneda “Santoka” Shoichi a Dino Campana. Entrambi poeti, pur nella dovuta distanza culturale. Entrambi camminatori, divoratori di strade. Entrambi alle prese con un “disagio”. Taneda Shoichi nasce nel 1882 nelle vicinanze di Yamaguchi, figlio di un agiato proprietario dedito al libertinaggio e avviato al dissesto finanziario. Taneda inizia presto a scrivere, pubblicando le [&hellip

Alberto Savinio. Flâneur a Milano
Paolo Melissi /

Alberto Savinio. Flâneur a Milano

Milano dal decimo piano di un grattacielo: è il primo sguardo sul capoluogo meneghino restituito da Alberto Savinio in Ascolto il tuo cuore, città. È l’inizio di una prolungata flânerie, che è insieme percorso fisico nel corpo della città ma anche viaggio nel deposito immenso di ricordi, nozioni, storie, avvenimenti che costituiscono la “memoria” dell’autore. Memoria è per Savinio un [&hellip

Talkin’ Milano n.2: Andrea De Alberti. Battuda
Paolo Melissi /

Talkin’ Milano n.2: Andrea De Alberti. Battuda

Proponiamo un estratto dal secondo numero di Talkin’ Milano – Quaderni di Passeggiate d’Autore – intitolato Psicogeografia & Derive. # Andrea De Alberti Battuda I miei nonni erano trattori, nel senso che lavoravano in una trattoria, l’Antica Trattoria. Vivevano in un paesino chiamato Battuda, insomma era tutto sconfitto, battuto e vecchio. Il paese e l’osteria. Mangiavano, dormivano, lavoravano tutto lì [&hellip

Nel “Covo della Ladra” di Libri. Intervista a Mariana Winch Marenghi
Paolo Melissi /

Nel “Covo della Ladra” di Libri. Intervista a Mariana Winch Marenghi

Dallo scorso 31 Ottobre la libreria Covo della Ladra, si affaccia su via Scutari, a pochi passi da via Padova, nel quartiere multietnico di Milano per antonomasia. Creatrice di questo spazio dedicato al giallo è Mariana Winch Marenghi, partita con un blog dedicato a recensioni di romanzi e racconti gialli e noir e ora alle prese con la scommessa di [&hellip

Joseph Conrad: La linea d’ombra
Paolo Melissi /

Joseph Conrad: La linea d’ombra

Solo i giovani hanno momenti simili. Non penso ai giovanissimi. No, i giovanissimi, propriamente parlando, non hanno momenti. È privilegio della prima giovinezza vivere in anticipo sui propri giorni, in tutta la bella continuità di speranze che non conosce pause o introspezioni. Si chiude dietro di noi il cancelletto della pura fanciullezza – e ci si addentra in un giardino [&hellip

Tommaso Landolfi: La pietra lunare
Paolo Melissi /

Tommaso Landolfi: La pietra lunare

“Buonasera, buonasera, da quanto tempo! Come va?” Lo zio, in maniche di camicia e con certi pantaloni incartapecoriti che gli torcevano le gambe come quelle dei cavallerizzi, reggendo la porta con una mano, coll’altra faceva grandi gesti di benvenuto e poi d’invito a entrare. Dietro di lui, come in un affresco del Ghirlandaio, si vedevano spuntare le teste degli altri [&hellip

Luciano Bianciardi: La vita agra
Paolo Melissi /

Luciano Bianciardi: La vita agra

Tutto sommato io darei ragione all’Adelung, perché se partiamo da un alto-tedesco Breite il passaggio a Braida è facile, e anche il resto: il dittongo che si contrae in una e apertissima, e poi la rotacizzazione della dentale intervocalica, che oggi grazie al cielo non è più un mistero per nessuno. La si ritrova, per esempio, nei dialetti del Middle [&hellip

Antonio Tabucchi: I volatili del Beato Angelico
Paolo Melissi /

Antonio Tabucchi: I volatili del Beato Angelico

Il primo volatile arrivò un giovedì di fine giugno, all’ora del vespro, quando tutti i frati erano in cappella per la funzione. Fra’ Giovanni da Fiesole, dentro di sé, chiamava ancora se stesso Guidolino, che era il suo nome che aveva lasciato nel mondo per il chiostro; si trovava nell’orto per raccogliere le cipolle, era il compito suo, perchè abbandonando [&hellip

Memorie dal sottosuolo
Paolo Melissi /

Memorie dal sottosuolo

Così si introduce il “sottosuolo” in letteratura! Sono un uomo malato… Sono un uomo cattivo. Un uomo sgradevole. Credo di avere mal di fegato. Del resto, non capisco un accidente del mio male e probabilmente non so di cosa soffro. Non mi curo e non mi sono mai curato, anche se rispetto la medicina e i dottori. Oltretutto sono anche [&hellip

Jack Kerouac: Sulla strada
Paolo Melissi /

Jack Kerouac: Sulla strada

La prima volta che incontrai Dean fu poco tempo dopo che mia moglie e io ci separammo. Avevo appena superato una seria malattia della quale non mi prenderò la briga di parlare, sennonché ebbe qualcosa a che fare con la triste e penosa rottura e con la sensazione da parte mia che tutto fosse morto. Con l’arrivo di Dean Moriarty [&hellip

Iosif Aleksandrovič Brodskij: Fondamenta degli incurabili
Paolo Melissi /

Iosif Aleksandrovič Brodskij: Fondamenta degli incurabili

Molte lune fa il dollaro era a quota 870 e io ero a quota 32. Il globo era anch’esso più leggero – due miliardi di anime in meno -, e il bar della Stazione, in quella gelida sera di dicembre, era deserto. Lì, in piedi, aspettavo che venisse a prendermi l’unica persona che conoscevo in tutta la città. Il tempo [&hellip

Michele Mari: Tutto il ferro della torre Eiffel
Paolo Melissi /

Michele Mari: Tutto il ferro della torre Eiffel

Walter Benjamin alza lo sguardo alla volta di ferro e di vetro del passage des Princes, e ancora una volta s’incanta. Quella strada coperta che per il suo lucore larvale gli ha sempre ricordato un acquario è insieme un esterno e un interno, un limbo fra la strada e la casa: e un mentito scintillio di vetrine in assenza di [&hellip

Anton Checov: Il reparto n. 6
Paolo Melissi /

Anton Checov: Il reparto n. 6

Nel perimetro dell’ospedale, sorge un piccolo padiglione circondato da un vero e proprio bosco di cardi, d’ortica e di canapa selvatica. Il tetto è tutto rugginoso, il comignolo è per metà crollato, gli scalini alla porta d’ingresso si sono imporriti e ricoperti d’erba, e dell’intonaco non è rimasto che qualche traccia. Con la facciata anteriore il padiglione guarda all’ospedale, con [&hellip


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 3778