Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Sidebar". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-1". Impostare manualmente id a "sidebar-1" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Footer Widgets". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-2". Impostare manualmente id a "sidebar-2" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_deregister_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_register_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_enqueue_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196
Satisfiction » Recensioni
Notice: Trying to get property of non-object in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: meta_post_keywords in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: wpzoom_sidebar in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/header.php on line 108
990x27_promo

Recensioni

Satisfiction propone la prima recensione “interattiva”. Funziona cosí: se la critica di Satisfiction ti convince a comprare il libro, ma dopo averlo letto ritieni che l’entusiasmo di Satisfiction ha deluso le tue aspettative, invia una mail a redazione@satisfiction.me che spieghi perché il libro che Satisfiction ti ha segnalato non era veramente “imperdibile e assolutamente da leggere”: Satisfiction ti rimborserà il prezzo di copertina.

B.Stoker, V. Asmundsson, I poteri delle tenebre – DRACULA, il manoscritto ritrovato
Bram Stoker, Valdimar Asmundsson /

B.Stoker, V. Asmundsson, I poteri delle tenebre – DRACULA, il manoscritto ritrovato

“Di certo, la comunità che prova vergogna per il proprio sudiciume è molto più sana di quella in cui la gente è a tal punto senza vergogna che getta l’immondizia alle strade e ai crocicchi, come se ciò non avesse alcuna importanza.” I libri che si potrebbero leggere, che si vorrebbero e che soprattutto si dovrebbero leggere sono tanti; così [&hellip

Massimo Onofri, Fughe e rincorse
Massimo Onofri /

Massimo Onofri, Fughe e rincorse

Si è soliti ripetere che il Novecento letterario italiano abbia conosciuto l’eccellenza solo nella poesia: e forse è vero. Da Ungaretti, Saba, Montale, Caproni e Luzi, i fuoriclasse capaci di giuocare, quando non titolari, almeno in panchina, in un’ipotetica squadra che rappresenti l’Europa contro il resto del mondo non mancano davvero. Questo, però, è un libro dedicato alla prosa. E [&hellip

Ottessa Moshfegh, Il mio anno di riposo e oblio
Ottessa Moshfegh /

Ottessa Moshfegh, Il mio anno di riposo e oblio

Ci sono due tipi di libri che definiscono al meglio i tempi che stiamo vivendo e la generazione Millennial. Uno è l’autofiction sotto forma di “personal essay,” formato che meglio di qualunque altro riesce a soddisfare la domanda di storie personali che nasce nel mondo virtuale di blog e social (tra post di Facebook e stories di Instagram, ma un [&hellip

Chris Offutt, Mio padre il pornografo
Chris Offutt /

Chris Offutt, Mio padre il pornografo

“It’s not time to make a change/ Just relax, take it easy/You’re still young, that’s your fault/There’s so much you have to know/ Find a girl, settle down/ If you want you can marry/Look at me, I am old /but I am still happy”… Quando pensi al rapporto padre-figlio, se hai una trentina di anni o più, la mente non [&hellip

Laura Di Corcia, In tutte le direzioni
Laura Di Corcia /

Laura Di Corcia, In tutte le direzioni

“In tutte le direzioni”. Al tempo della crisi, dell’ottundimento, della precarietà bisogna cercare il germoglio del bello e del vero ovunque cresca. Avidamente. È questo che sembra suggerire la seconda raccolta poetica di Laura Di Corcia, pubblicata da Lietocolle nella collana “Pordenonelegge”. Una poesia forte, quella della giovane autrice del Canton Ticino: sanguigna, viscerale, che si confronta con l’incanto dell’innocenza [&hellip

Valentina Di Cesare, L’anno che Bartolo decise di morire
Valentina Di Cesare /

Valentina Di Cesare, L’anno che Bartolo decise di morire

L’anno che Bartolo decise di morire nessuno si era accorto di niente, forse perché erano accadute tante cose: Vito e la moglie erano lì lì per lasciarsi, una delle più grandi fabbriche della zona stava per chiudere, Giovanni era tornato in città dopo parecchi mesi, a maggio c’era stata una violenta gelata che aveva compromesso i ciliegi, il Trofeo del [&hellip

Jennifer Clement, Gun love
Jennifer Clement /

Jennifer Clement, Gun love

Su The End of the Myth, lo storico Greg Grandin racconta di come nel 1811 il futuro presidente degli Stati Uniti Andrew Jackson fu fermato dall’agente federale Silas Dinsmoor mentre conduceva una coffle (una parata di schiavi afroamericani incatenati tra loro) lungo la tratta Natchez-Nashville. Trattandosi di una terra di confine tra i territori Chickasaw e Choctaw, nominalmente sotto protezione [&hellip

Valentina Durante, La proibizione
Valentina Durante /

Valentina Durante, La proibizione

L’esordio di Valentina Durante è una storia in apparenza semplice nella struttura, con pochi personaggi, ai quali si aggiunge la casa, come entità. L’autrice scava nel cosmo familiare come un allucinato entomologo. A parlare in prima persona è Leni, una bambina cresciuta con la zia Eleonora e alla quale è stato sempre nascosto cosa sia accaduto alla madre: se sia [&hellip

Massimiliano Nuzzolo, L’agenzia della buona morte
Massimiliano Nuzzolo /

Massimiliano Nuzzolo, L’agenzia della buona morte

Ce ne accorgiamo quando leggiamo un romanzo, una storia. Come ogni cosa sia legata a un’altra; come ciò che noi siamo ora sia la conseguenza di quanto ci è accaduto precedentemente e delle scelte che abbiamo fatto per affrontare, superare, elaborare a nostro modo ciò che la vita ci ha riservato. Come in fondo tutta la nostra esistenza sia un [&hellip

Byung-Chul Han, Eros in agonia (nuova prefazione di Alain Badiou)
Byung-Chul Han /

Byung-Chul Han, Eros in agonia (nuova prefazione di Alain Badiou)

Qual è la sorte di Eros in tempi in cui il narcisismo domina la scena e impone l’evidenza dell’Inferno dell’Uguale? Eros è in agonia, stenta a trovare la formula che possa aprire la strada al Palcoscenico del Due caro a Alain Badiou – che ne aveva parlato in Elogio dell’amore e ora firma la prefazione alla ristampa di Byung-Chul Han [&hellip

Marina Cvetaeva, Sonecka
Marina Cvetaeva /

Marina Cvetaeva, Sonecka

Fatiscente la scena, giocosa e tragica la figura. Delle più buie l’ora: il 1919. Sullo sfondo la guerra civile, il freddo e la fame. Ma è da quella scura tela moscovita che Marina Cvetaeva, con la sua inconfondibile scrittura, fa emergere la luminosa e vibrante Sonecka (Sof’ja Evgen’evna Gollidej), l’attrice tutta struggimenti e paroline infantili del Teatro d’arte di Mosca, [&hellip

Maura Chiulli, Nel nostro fuoco
Maura Chiulli /

Maura Chiulli, Nel nostro fuoco

«Ti sei mai salvato da solo? Hai mai provato la sensazione meravigliosa di poter contare solo su di te? Hai mai potuto ringraziarti per essere ancora vivo?». Delimitare uno spazio nel quale nessuno possa entrare, un cerchio magico, un cerchio di fuoco, che contenga al suo interno simultaneamente tutti i diversi momenti della nostra vita. È quanto sembra accadere a [&hellip

Richard Powers, Il sussurro del mondo
Richard Powers /

Richard Powers, Il sussurro del mondo

Per l’uomo che vive e vede il mondo dalla sua prospettiva miope e particolare, la storia del mondo coincide con la storia dell’umanità. In realtà la Storia ha un raggio molto più ampio, e di questo se n’era accorto benissimo anche Mark Twain, quando ebbe a dire che “Se oggi la Torre Eiffel rappresentasse l’età del mondo, il sottile strato [&hellip

Streghe: da Madeleine Bavent al #metoo

Streghe: da Madeleine Bavent al #metoo

È una testimonianza dal punto di vista della vittima, dell’accusata. La prima, dal momento che la norma dettava di bruciare le carte processuali insieme alla strega. Una confessione generale resa dopo anni di segregazione nelle prigioni di Évreux e poi di Rouen, anni di torture e interrogatori. A parlare è Madeleine Bavent, monaca sul cui capo pendono accuse innumerevoli che [&hellip

Di Girolamo, Quante bugie hai detto questa sera
Alessio Di Girolamo /

Di Girolamo, Quante bugie hai detto questa sera

È successo qualcosa di orribile, di abominevole ad Anna. Qualcosa che lei stessa non ricorda. Non del tutto. Non bene. Ora è in un bosco immerso nella nebbia e forse è legata, nuda, ferita. Forse è stata violata. Forse è morta. Ma non può essere morta perché la sua voce vibra nel silenzio e nell’oscurità. E allora, prima che sia [&hellip

Jonathan Dee, I provinciali
Jonathan Dee /

Jonathan Dee, I provinciali

Lo scrittore statunitense Jonathan Dee, sempre attento alla contemporaneità e ai suoi nodi problematici, arriva in questi giorni in libreria con I provinciali (Fazi, 2019, pp. 440, euro 20), suo ultimo romanzo e secondo tradotto in Italia da Stefano Bortolussi (che aveva già curato la traduzione del precedente, I privilegiati, per Neri Pozza). L’America, dall’11 settembre a Donald Trump, attraverso [&hellip

Sergio Finzi. Nevrosi di guerra in tempo di pace. Incidenza del soggetto e futuro della psicoanalisi
Sergio Finzi /

Sergio Finzi. Nevrosi di guerra in tempo di pace. Incidenza del soggetto e futuro della psicoanalisi

Il libro che stiamo per leggere mette in scena un nuovo modo-mondo di far funzionare il Sogno, e è suddiviso in 23 capitoli distribuiti in due sezioni: Nevrosi di guerra in tempo di pace, testo pubblicato dall’Editore Dedalo di Bari nel 1989 e qui rivisto e modificato dall’autore, e l’ “Appendice”, Continuazione e avanzamenti, che presenta testi, alcuni scritti insieme [&hellip

A. Zesi, D. Durante, Amore e Psiche
Annamaria Zesi /

A. Zesi, D. Durante, Amore e Psiche

Vero e proprio demone, se consideriamo Eros come tale (demone e drago dallo sguardo profondo, Eros δράκων -da δέρκομαι-, feroce, terribile, malvagio drago alato, lo chiama in Apuleio l’oracolo di Apollo), quello che spinge Annamaria Zesi a ritornare su Amore e Psiche dopo il lavoro filologico già svolto alla ricerca del materiale preletterario della fabula, circolante non solo nel mondo [&hellip

Fabrizio Coscia. I sentieri delle ninfe. Nei dintorni del discorso amoroso
Fabrizio Coscia /

Fabrizio Coscia. I sentieri delle ninfe. Nei dintorni del discorso amoroso

Una prosa sinuosa e fluida come il corpo della bella Ninfa accompagna Fabrizio Coscia nelle profondità del discorso amoroso lungo “I sentieri delle ninfe”. Un viaggio dell’anima sedotta dalle lunghe gambe del divino Eros. Una possessione delirante, come quella divina manìa platonica, cattura nella rete l’innamorato: ”Caro Fedro, non ti sembra, come sembra anche a me, che io sia sopraffatto [&hellip

Flaminia Cruciani, Lezioni di immortalità
Flaminia Cruciani /

Flaminia Cruciani, Lezioni di immortalità

“Se il lavoro del poeta è scuotere il cielo aspettando che qualche frammento cada, il lavoro dell’archeologo è scuotere la terra, senza imbarazzo del cosmo, aspettando che qualche frammento di cielo appaia”. Il teorema alla base di “Lezioni di immortalità” di Flaminia Cruciani, poetessa ed archeologa romana, è tutto nello splendido passaggio riportato nella quarta di copertina; ma il succo [&hellip


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 3778