Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Sidebar". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-1". Impostare manualmente id a "sidebar-1" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: register_sidebar è stato richiamato in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Footer Widgets". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-2". Impostare manualmente id a "sidebar-2" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_deregister_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_register_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196

Notice: wp_enqueue_script è stato richiamato in maniera scorretta. Gli script e gli stili non dovrebbero essere registrati o accodati prima degli hooks wp_enqueue_scripts,admin_enqueue_scripts, o login_enqueue_scripts. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 3.3.0.) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 4196
Satisfiction » Recensioni
Notice: Trying to get property of non-object in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: meta_post_keywords in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/functions/wpzoom-functions.php on line 243

Notice: Undefined variable: wpzoom_sidebar in /home/plzghlmr/public_html/wp-content/themes/satisfiction/header.php on line 108
990x27_promo

Recensioni

Satisfiction propone la prima recensione “interattiva”. Funziona cosí: se la critica di Satisfiction ti convince a comprare il libro, ma dopo averlo letto ritieni che l’entusiasmo di Satisfiction ha deluso le tue aspettative, invia una mail a redazione@satisfiction.me che spieghi perché il libro che Satisfiction ti ha segnalato non era veramente “imperdibile e assolutamente da leggere”: Satisfiction ti rimborserà il prezzo di copertina.

Kalsarikänni. L’arte finlandese di stravaccarsi
Miska Rantanen /

Kalsarikänni. L’arte finlandese di stravaccarsi

Se non credete che i finlandesi siano più intelligenti di noi, dovreste leggere questo libro appena tradotto e pubblicato in Italia dalla casa editrice “ad est dell’equatore”. Forse ci renderemo conto che non è un caso che nelle classifiche di vivibilità, felicità, sicurezza, attrattività, la Finlandia occupi sempre e immancabilmente le prime posizioni. Il Kalsarikänni (in italiano sbracasbronza), pratica e [&hellip

Praz
Raffaele Manica /

Praz

Ha sempre amato la luce degli specchi, Mario Praz. La luce che gli specchi riflettono. Forse perché di quella luce – che, nel restituire le immagini, si fa a volte arabesco, a volte capriccio, a volte bizzarria – si nutriva la sua inesauribile e divagante curiosità, nel vivere e nello scrivere. E quella stessa luce la si ritrova nel Praz [&hellip

Lezioni di dogfulness
Paolo Valentino /

Lezioni di dogfulness

Paolo Valentino, affermato gost writer, si è a lungo nascosto dietro grandi nomi della letteratura, ma con Catfulness, un best seller internazionale, e dogfulness, fresco di stampa, uscito infatti il 13 novembre 2018, si rivela nella sua identità di scrittore talentuoso, permeato di un desiderio umano, troppo umano, di vivere la vita in pienezza. Sotto le mentite spoglie di un [&hellip

Le Storie del pavimento
Gherardo Bortolotti /

Le Storie del pavimento

Impressioni su alcuni frammenti da ‘Le Storie del pavimento’ di Gherardo Bortolotti, collana ChapBooks, ed. Tic, 2018. 3 marzo 1790 Sugli scaffali, nelle librerie, all’ombra di una copia delle Città invisibili o del Voyage autour de ma chambre, rimanevano le vestigia di vicende passate che, quasi per caso, settembre si incaricava di evocare. Piccoli sassi candidi di estati preistoriche, monetine, [&hellip

Sonno bianco
Stefano Corbetta /

Sonno bianco

Da gemelle identiche Emma e Bianca percorrono bambine un lungo tratto di vita assieme, in una simbiosi totalizzante. Fino a una distrazione che risulterà fatale, causa di un incidente che le coinvolge entrambe ma che obbligherà da quel momento la sola Bianca a un letto di ospedale, immobilizzata in un sonno che non ha nulla di naturale. Come la sua, [&hellip

Il battente della felicità
Valeria Di Felice /

Il battente della felicità

Quando l’amore bussa al battente, l’animo pigro, tipico della nostra sfilacciata contemporaneità, fugge a gambe levate e si rintana nel proprio quotidiano scialbo e consolatorio. Mentre viviamo la crisi dell’Io che, iniziata nel’900, procede inarrestabile, c’è qualcuno/a che osa e apre la porta alla felicità fino a sentire la pioggia ”battente” che travolge l’anima e le fa sperimentare l’insperimentabile. C’è [&hellip

Seminario sulla nostalgia
Roberto Tatarelli /

Seminario sulla nostalgia

Una vita costruita su studio, lavoro, decenni di buone frequentazioni medio-alto borghesi con tutti i crismi dell’esclusività. Poi un errore, neanche troppo importante: uno solo, che però scardina e tutto capovolge: è così che il protagonista di Seminario sulla nostalgia, luminare della psichiatria, si ritrova in tempi inaccettabilmente brevi escluso da chi lo aveva incensato, protetto, gli aveva fino ad [&hellip

M. Il Figlio del Secolo
Antonio Scurati /

M. Il Figlio del Secolo

Antonio Scurati mangia Ernesto Galli Della Loggia  “M. Il Figlio del Secolo” appartiene alla Letteratura ed è, come ho già scritto, un autentico capolavoro destinato a rimanere. Non è un “classico istantaneo”, uno di quei romanzi che si dimenticano col girare la pagina di una stagione editoriale. Appartiene alla Letteratura. Il recente articolo dello storico Ernesto Galli Della Loggia – [&hellip

Al mattino stringi forte i desideri
Natascha Lusenti /

Al mattino stringi forte i desideri

“Dormire non è poca arte: è necessario vegliare tutto il giorno per giungervi”, diceva Nietzsche. Ma neanche destarsi e constatare di essere ancora su questa terra è un traguardo da sottovalutare. Lo ha capito bene Emilia, la giovane protagonista di “Al mattino stringi forte i desideri” di Natascha Lusenti (Garzanti, 2018, pp 223). Di lei sappiamo poco: è timida, con una lunga [&hellip

L’esercizio del distacco
Mary Barbara Tolusso /

L’esercizio del distacco

Ci sono tre ragazzi protetti dalle mura di un collegio esclusivo, posto ai margini di una città mai nominata ma riconoscibile nella sua nobile unicità. Coltivano tra loro un’amicizia assoluta, totalizzante come può essere solo nell’adolescenza, conforto forte e complice da opporre al mondo esterno. È un rapporto dai contorni permeabili, liquido, prossimo all’amore, ancor più alla seduzione quello tra [&hellip

Peste e corna
Massimo Roscia /

Peste e corna

Poche sono le cose che irritano un lettore quanto l’imbattersi nelle pagine di un romanzo nell’utilizzo iterato di frasi fatte o nell’abuso di luoghi comuni frusti che spesso denunciano sciatteria e pigrizia da parte dell’autore. Una faciloneria che ha invaso in verità ogni campo della parola e dell’espressione quotidiana: ne è buon (cattivo?) esempio il linguaggio delle previsioni del tempo, [&hellip

Magellano
Gianluca Barbera /

Magellano

Anche se tutto va male, male per davvero, si può pur sempre tentare una truffa o almeno perdurare nel proprio ruolo di imbroglioni: è quello che fa Marco Salieri, protagonista di Finis mundi (Gallucci, 2014), romanzo d’esordio di Gianluca Barbera, che nel bagagliaio ha un cadavere (morto ammazzato per mano sua) e in testa un piano da portare a termine [&hellip

Santiago e nuvole. Le fantasticherie di un pellegrino solitario
Stefano Scrima /

Santiago e nuvole. Le fantasticherie di un pellegrino solitario

Un libro come esperienza zen. In fondo c’è qualche passaggio in Santiago e nuvole, in cui sembra risuonare qualche pagina de Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta, viaggio della consapevolezza di Robert M. Pirsig. Per manifesto di intenti dello stesso Scrima ad incipit: “Non si parte per fuggire, ma per tornare in noi”. Programma limpido quanto ambizioso. Da [&hellip

Zeig
Martino Ciano /

Zeig

Sempre più di rado il filone post-apocalittico viene scelto per profetizzare orwellianamente un futuro disastroso ma di marca ipotetica: negli ultimi anni gli autori che lo prediligono lo piegano a diagnosi ideologica di un tempo ben riconoscibile come quello presente, dove già si intravvedono tutti i semi di una tremenda corruzione. Così è anche in Zeig (Giraldi Editore), terzo romanzo [&hellip

La festa nera
Violetta Bellocchio /

La festa nera

In una Italia distopica che sembra uscita da una guerra, Misha, Nicola e Ali (l’io narrante) girano documentari. Il loro ultimo progetto li porta lungo la Val Trebbia dove filmeranno centri autarchici che vivono secondo proprie leggi. Dapprima incontreranno La confraternita del Serpente Nero che ospita uomini che hanno compiuto delitti contro le donne, poi Secondo Zion, dove gli adepti [&hellip

Maestoso è l’abbandono
Sara Gamberini /

Maestoso è l’abbandono

Ruota attorno alla difficoltà degli addii necessari, alla salvezza, all’invisibile che scorre sottotraccia – linfa che permea, percorre e dà senso – l’esordio straordinario di Sara Gamberini Maestoso è l’abbandono (Hacca). Sfugge alle maglie di rigorosa definizione questo romanzo poetico, introspettivo, sorprendente per molti versi, in cui l’autrice veronese sceglie di narrare una storia intima per la quale trova – [&hellip

Manuale di sopravvivenza per bambini invisibili
Luca Martini /

Manuale di sopravvivenza per bambini invisibili

Tendo per mia natura, e di questo mi scuso fin da ora, a diffidare sempre dei libri che hanno nel titolo la parola Manuale. Eppure, questo libro scritto da Luca Martini è un bellissimo trattato narrativo sui rapporti umani: contiene pagine capaci di mettere i brividi, per la qualità stilistica e la forza con cui l’autore mette in campo una [&hellip

L’ultima notte di Antonio Canova
Gabriele Dadati /

L’ultima notte di Antonio Canova

Quest’ultimo libro di Gabriele Dadati, dopo anni di lavoro certosino, mostra come talvolta la materia narrativa possa essere ben scalfita e levigata proprio come se fosse fatta di pietra “viva”. L’arco narrativo del libro prende avvio da una conversazione fatta di vita vera e storia, lunga circa 72 ore, svelata dal Grande Maestro Antonio Canova – ormai in punto di [&hellip

Ho scoperto di essere morto
João Paulo Cuenca /

Ho scoperto di essere morto

Ricevi una telefonata dalla polizia e la voce dell’ispettore all’altro capo del telefono dice di avere in mano un verbale che certifica la tua morte. È quello che succede a J.P. Cuenca, protagonista del romanzo “Ho scoperto di essere morto” (Miraggi edizioni, 2017). Il personaggio principale è uno scrittore, che coincide non solo con l’autore del romanzo, ma anche con [&hellip

Fuori da Gaza
Selma Dabbagh /

Fuori da Gaza

Fuori da Gaza di Selma Dabbagh (Il Sirente, 2017, traduzione dall’inglese di Barbara Benini) è un romanzo sul dolore dei palestinesi. Cosa rappresenti Gaza, non è semplice dirlo. Il punto nevralgico della crisi mediorientale? Dopo l’esplosione e l’internazionalizzazione del conflitto siriano, non più. Un carcere a cielo aperto? Certo, non si contano le persone adulte nate a Gaza e mai [&hellip


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/plzghlmr/public_html/wp-includes/functions.php on line 3778